FANDOM


Utopìus12

Vista dalla cattedrale di Paros, possiamo vedere il fiume Everst.

Paros (dal latino paro, "barca, battello" - traduzione letterale "Barca della sapienza", Parùjìs in dialetto parìsìno) è la più grande e fiorente città e capitale di Utopìus, oltre ad essere la città più popolata, con 12.768.034 milioni di abitanti, è anche la città più importante dal punto di vista sociale, politico e storico.

E' la sede della banca nazionale, del congresso di Utopìus e meta turistica molto ambita, sopratutto per la gran quantità di monumenti storici presenti.

Storia Modifica

La città di Paros ha origini molto antiche. Possiamo iniziare a vedere la città ai tempi di Sir Jack W.H. Hammer quando da villaggio diventa una cittadella di 100.000 abitanti. Nel 1267 è proprio a Paros che inizia la guerra dei poveri, che avrà come risultato la caduta del monarca assoluto.

Qui si formano i primi gruppi illuministi e abbiamo anche qualche cenno alla carboneria. Qui nacquero molti filosofi, scienziati e nobili dell'aristocrazia Parisina tra cui ricordiamo Mark Twain, Alberto Einstein, Lavoiser, Jim e James Wright e molti altri che hanno costruito solidi mattoni di cultura mondiale. Nel IX secolo divenne capitale per volere del presidente Jimmy Carterius e trasferì il congresso da Turin.

Non tutti erano favorevoli a questo trasferimento, ma vennero distratti con la vigilia della prima guerra mondiale, nella qualche molti uomini e risorse di Paros vennero impiegati. Finita la guerra la città pote riprendere le sue attività commerciali, vendendo oro in tutto il mondo, sopratutto all'Italia e alla Russia che ne scarseggiano, per queste attività commerciali, statici ammontano la cifra a 150 miliardi di UTI, un numero esorbitante che ha consentito l'ampliamento degli armamenti e l'espansione della città.

Con il passare degli anni la popolazione è aumentata enormemente, oggi ammonta a 12.768.034 milioni di abitanti, un vero record per un piccolo villaggio che fino a qualche secolo prima contava la "cifruccia" di appena 100 mila abitanti.

Importanti trattati Modifica

A Paros sono stati stipulati diversi trattati, ma alcuni più importanti di altri. Tra questi ricordiamo:

  • Il trattato di Nordwich - stipulato il 30 gennaio 1478 dove la nazione si sarebbe impegnata a reprimere le guerre civili tra i nomadi del nord della penisola
  • Il trattato di fratellanza - stipulato il 7 maggio 1600 dove tutti e tre gli stati si sarebbero uniti in un unico stato governato da monarchia parlamentare
  • Il trattato del WWW - stipulato il 3 settembre 1943 dove Utopìus entrava ufficialmente nella seconda guerra mondiale
  • Il trattato di Bill P. Greenwich - stipulato il 17 novembre 1997 dove Utopìus accettava 3 testate nucleari dalla Russia in segno di riconoscimento per averli aiutati nella seconda guerra mondiale.

Geografia fisica Modifica

Paros occupa una superficie di 762,40 km² con una popolazione di circa 12.768.000 abitanti ad oggi. Risiede su un suolo calcareo, il nome potrebbe derivare da kwar "cava" che significa miniere, infatti sotto la città sono presenti molti giacimenti auriferi che hanno reso la città molto ricca.

La città è attraversata dal fiume Everst che scorre in buona parte della nazione, per "colpa" di questo fiume la città presenta una zona piuttosto bagnata e un'isolotto nei pressi del centro della città creatosi per accumulo di piogge decimali.

ClimaModifica

Il clima di Paros è piuttosto moderato, questo grazie alla catena montuosa che blocca buona parte dei freddi cicloni, riversando nelle zone più ghiacciate del continente. D'inverno presenta giornate piuttosto fredde, e si può arrivare anche a -10 gradi ma questo è un'evento piuttosto raro e si verifica solo un giorno all'anno se succede. D'estate invece abbiamo un clima caldo questo anche per colpa di nuovo della catena montuosa che blocca il vento, lasciando l'aria più secca, ma grazie alle precipitazioni frequenti anche d'estate si può stare piuttosto al fresco.

Per questi motivi Paros ha in ingente turismo verso i mesi autunnali, dove il clima e fresco e tiepido.